L’Amministrazione Trump Emette Ordine Esecutivo Teso a Favorire l‘Assunzione di Cittadini Americani a Discapito dei Visti H-1B

unknownIl 18 aprile 2017, il presidente USA Trump ha emesso l’ordine esecutivo Buy American and Hire American, “compra americano, assumi americani”.

L’ordine informa che il ramo esecutivo attuerà una politica volta a favorire l’acquisto di beni americani ed assumere lavoratori americani.

Allo scopo di aumentare salari e tassi di occupazione dei lavoratori negli USA e proteggere i loro interessi economici, il ramo esecutivo adotterà dichiaratamente una politica volta ad assicurare un’applicazione e gestione rigorosa delle leggi che regolano l’ingresso negli USA di lavoratori provenienti dall’estero.

I capi delle varie agenzie federali sono chiamati a suggerire le riforme necessarie, anche al programma di visti H-1B, per garantire che questi visti siano effettivamente assegnati ai richiedenti che posseggono le più elevate esperienze professionali o il compenso più elevato.

L’ordine esecutivo non ha stabilito alcun termine per formulare le proposte.

Il comunicato stampa relativo all’ordine esecutivo informa che circa l’80% di coloro che sono autorizzati a lavorare in forza di H-1B ricevono compensi più bassi rispetto ai cittadini che esercitano la medesima occupazione.

Il problema, secondo l’Amministrazione Trump, e’ l’attuale e generalizzato abuso del visto H-1B, che consentirebbe ai datori di lavoro di sostituire forza lavoro americana con lavoratori stranieri a stipendio inferiore. Un esempio — a detta dell’Amministrazione Trump – sarebbero i migliaia di lavoratori statunitensi del settore tecnologico sostituiti da stranieri con compensi nettamente inferiori.

Un funzionario del governo ha anche suggerito che l’introduzione di standard più elevati per il H-1B potrebbe portare a un’eliminazione di fatto della “lotteria” attualmente utilizzata per individuare le domande di visto da prendere in considerazione.

Per maggiori informazioni Craig Dobson

(ringraziamenti a Federica Romanelli per la trasposizione di questo blog in Italiano)

This entry was posted in Immigration. Bookmark the permalink.

Comments are closed.